231/01 RESPONSABILITA' ENTI

D.LGS. 231/01: LA RESPONSABILITA’ AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI: APPROFONDIMENTI GIURIDICI

Il D.Lgs. 231/2001 ha introdotto una Responsabilità diretta e autonoma dell’ente, in relazione ad alcune fattispecie di reato penale, nel caso in cui il reato sia commesso da suoi dirigenti, dipendenti, e comunque da soggetti che per esso operano. Il corso si propone di fornire le basi teoriche per comprendere le tematiche di carattere penalistico contenute nel D.Lgs. 231/2001.

Il Corso:

Prossimo Corso: 08 maggio 2017 ore 14.00 - 18.00 - 4 ore di formazione.

Di che tratta? Durante lo svolgimento del corso verranno illustrati e approfonditi gli aspetti pertinenti del Dlgs 231/01, come modificati nel corso degli anni attraverso gli aggiornamenti di legge, le risoluzioni giurisprudenziali e i casi pratici di applicazione. Verrà analizzato il quadro generale degli effetti preventivi rispetto alla commissione dei reati sanzionati (c.d. reati-presupposto) ottenuti dal D.Lgs. 231/2001.

ATTESTATO FORMATIVO: Al termine del Corso i partecipanti  riceveranno l'attestato di partecipazione.

Vantaggi del Corso:

  1. Apprendere in maniera veloce e approfondita il contenuto della norma;
  2. Riuscire a cogliere le peculiarità degli aspetti pratico-applicativi del D.Lgs. 231/2001;
  3. Acquisire competenza per argomentare al management aziendale i vantaggi di una corretta e consapevole applicazione di tale legge.

Didattica efficace e coinvolgente:

  1. Docenti esperti che applicano la norma sin dalla sua entrata in vigore;
  2. Un metodo di insegnamento e apprendimento già applicato con successo nei corsi formativi sul D.Lgs. 231/2001;
  3. vasto uso di esemplificazioni e riferimenti a casi concreti.

SEDE:  Bologna in Via Saragozza n.10, aula 7.4 (Vedi mappa) c/o Università di Bologna Facoltà di Ingegneria. La sede di via Saragozza dista circa 1 km dalla sede di Viale Risorgimento, 2 (dove comunque è consigliato parcheggiare).



Programma, test finale e attestato.

Sicureco
Corso Responsabilità Autonoma Enti
Il corso si propone di fornire le basi teoriche per comprendere le tematiche di rilevanza penale contenute nel D.Lgs. 231/2001

Programma del Corso:

  1. Introduzione al decreto;
  2. Evoluzione storica e aggiornamenti normativi del D.lgs. 231/01 dalla sua entrata in vigore;
  3. Aspetti generali per l'ottenimento dell’esimente:
    1. Modello Organizzativo e Organismo di Vigilanza;
  4. I reati sanzionati dal D.lgs. 231/01;
  5. Aspetti sanzionatori del Decreto.

Docente:

Dott. Paolo Massinissa Magini: dottore commercialista, revisore contabile iscritto all’Albo, membro di Organismi di Vigilanza ex D.lgs 231/01 e formatore senior nelle tematiche inerenti la responsabilità amministrativa degli enti

ESAME FINALE: L'esame di verifica dell'apprendimento per i corsi di aggiornamento RSPP/ASPP non è attualmente previsto dalla normativa. Tuttavia il metodo didattico applicato prevede comunque verifiche intermedie e/o finali al fine di garantire gli obiettivi di apprendimento del corso.

Soggetto organizzatore del corso: UNIV. STUDI BO Fac. Ingegneria dipartimento DIN
Responsabile del progetto formativo: prof. ing. Cesare Saccani

Costo del Corso


  1. Euro 150,00 + IVA.
  2. Compreso il materiale didattico e l’attestato di partecipazione.

MATERIALI DIDATTICI E ATTESTATO INCLUSI: Nella quota di partecipazione è compreso il diritto ad avere il materiale didattico (presentazioni dei docenti e materiale di approfondimento) e l’attestato di partecipazione.

Come Iscriversi al Corso ?

Telefona ai nostri numeri o USA QUESTA FORM per contattarci.

  • TelEFONO: 051 298.90.35 - 800 91.28.92
  • PUOI ANCHE SCRIVERCI A:

Oppure scarica da qui il modulo di iscrizione Documento Pdf e spediscilo via FAX (051 74.56.884)

L'avvio del Corso è subordinato al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.


Numero Verde Sicureco - Chiamaci con un click dal cellulare
Chiamaci senza impegno

Riferimenti Normativi:

I principali reati, presupposto per l’applicazione in capo all’ente delle sanzioni previste dal D.Lgs. 231/2001, sono i seguenti:

  1. Reati contro la P.A. (artt. 24-25);
  2. Delitti informatici e trattamento illecito dei dati (art. 24-bis);
  3. Delitti contro l’industria e il commercio (art. 25 bis.1);
  4. Reati societari (art. 25-ter);
  5. Delitti con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico (art. 25-quater);
  6. Reati sanciti dalla convenzione internazionale contro il crimine organizzato transnazionale (art. 25-quinques);
  7. Reati in materia di sicurezza sul lavoro (art. 25- septies);
  8. Reati in materia di antiriciclaggio (art. 25-octies);
  9. Reati ambientali (art. 25-undecies).
  10. Reati per impiego di immigrati senza permesso di soggiorno ( art. 25 duodecies).

Le sanzioni in capo all’Ente previste dal D.Lgs. 231/2001 sono le seguenti:

  1. Misure sanzionatorie pecuniarie Misure sanzionatorie interdittive (da 3 mesi a 2 anni):
  2. Interdizione dall’esercizio dell’attività;
  3. Sospensione o revoca delle autorizzazioni, licenze o concessioni;
  4. Divieto di contrattare con la PA;
  5. Esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi o revoca di quelli concessi;
  6. Divieto di pubblicizzare beni o servizi;
  7. Confisca;
  8. Pubblicazione della sentenza.
Torna a inizio pagina.



Numero Verde